Temporale estivo

Temporale estivo

Silenziosa e tacita
La notte placida
Scende sui tetti
Sospende i dialetti

Idiomi lontani
Scordati l’indomani
Su sospiri leggeri
Come il trascorso, come ieri

Lontani i grilli
Nella sera d’estate
Alcolici strilli
Di sere bruciate

Di candele arse
Da fuochi fatui
Di essenze sfumate
Da abusi incauti

Silente notte
Che sembra coprire
I singhiozzi e le lotte
Di chi non vuol morire

Arrendersi o perdersi
Chinarsi ad un destino
Che non ha nei suoi versi
Il tuo sguardo vicino

Un poema sussurrato
Da sospiri di ricordi
Come un canto suonato
A cuori ormai sordi

Arcobaleni vaghi
Ingoiati dal nero
Come sogni girovaghi
Scambiati per vero

Poi arriva sempre un poi
Il poi arriva senza un noi
Non è sempre come vuoi
Lo capisci col senno di poi

A spalancare finestre
A tirare le tende
A scrollare la pioggia
Che incauta scende

Su cicatrici scaltre
A sanguinare ancora
Su mattine, altre
Sulle notti e oltre

I grilli si svegliano
Sonnolenti ancora
Disperati cantano
Urlando contro l’aurora

Sembrano imprecare
ad un vago Dio
Come ad impregnare
Con vibrante melodia

Che ha lacrime di cielo
Che ha profumo di erba
E lento casca il velo
Su ciò che riserva

Una fanghiglia arsa
Di temporale estivo
Una notte scomparsa
Da un incedere schivo

Imperituri e perpetui moti
Con cicliche tappe
Con incedere di giorni vuoti
Tra viaggi senza mappe

Senza stelle da seguire
In questo buio pesto
Senza passi precisi
Ma con incedere maldestro

Adriano Viola
Proprietà intellettuale riservata
L.G.633/1941
10/03/2019

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...